Scariche Elettriche Ai Testicoli

Scariche Elettriche Ai Testicoli scariche elettriche ai testicoli

Mi ha risvegliato con una secchiata d'acqua e poi ha applicato la corrente elettrica ai miei testicoli. Ogni giorno era la stessa storia: shabah e scariche elettriche. applicato la corrente elettrica ai miei testicoli. Ogni giorno era la stessa storia: shabah e scariche elettriche. Urlavo e supplicavo di fermarsi. Quella confessione estorta con botte e scariche ai testicoli scrive Simona minacce, finte esecuzioni, scariche elettriche ai testicoli, acqua e sale in gola, fino. e olio di ricino e a subire scosse elettriche ai testicoli, anche lui fu incatenato, Quella confessione estorta con botte e scariche ai testicoli scrive Simona. Massimo Sacco è intervenuto questa notte ai microfoni di Rai Radio2 nel corso Mi hanno fatto delle scosse elettriche sul testicolo sinistro”.

Nome: scariche elettriche ai testicoli
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 47.19 MB

Ancora con i polsi ammanettati dietro la schiena, bendato, e col sangue che scorreva copioso, ricominciarono a picchiarmi. Dopo mezz'ora mi portarono in una stanza al piano di sopra. Poi mi misero dei fili elettrici intorno alla vita, al torace e alle caviglie. Legarono una corda o una catena alle manette e tirarono le braccia più in alto che poterono senza slogarle. Restai in quella posizione, letteralmente appeso a circa 30 centimetri dal pavimento, per un lasso di tempo che non è possibile quantificare in ore, ma solo in dolore.

La situazione è diventata drammatica e solo adesso stanno cercando di metterci una toppa.

Vorrebbero curarmi dandomi del ferro, ma questo equivarrebbe a condannarmi a morte. I dottori degli Emirati Arabi non sanno neanche cosa sia la microcitemia, che pur essendo una grave forma di anemia non va in nessun modo curata con il ferro.

Menu di navigazione

Non ho più parole. Dopo il mio arresto, con accusa di traffico internazionale di stupefacenti, per 10 grammi di cocaina, senza nessuna prova oggettiva, hanno fatto di tutto per farmi confessare.

Ho subito ricatti e botte atroci". Sacco denuncia nella telefonata violenze subite dalla partner: "Hanno costretto anche la mia compagna, del tutto estranea alla vicenda, a spogliarsi nuda davanti a 10 agenti, tutti uomini, l'hanno costretta ad andare con loro in carcere per una intera notte, il tutto per estorcere a me una falsa dichiarazione, per farmi dire in cambio del suo immediato rilascio che quella droga l'avevo presa in Italia".

L'imprenditore italiano prima di salutare la compagna lancia un ultimo disperato appello: "Chiama in radio, cerca di smuovere qualcosa.

Io sto morendo. Hanno portato via la mia compagna che era in camera da letto, completamente nuda. Ma non era vero.

Appena chiedevi qualcosa, ti riempivano di botte. Poi mi hanno trasferito, sono stato mesi senza vedere la luce del sole, chiamare in Italia costava 1.

Dolore ai testicoli

Sono stato truffato da un avvocato locale e poi il mio caso è stato trasferito ad Abu Dhabi. Mi volevano accusare di spaccio e traffico internazionale di cocaina.

Mi hanno trattato come una bestia, picchiato, incatenato mani e piedi e spedito in un carcere federale messo in cella con terroristi ed assassini. Pensavo di diventare pazzo. Le torture?

Una sera stavo pregando con altri ragazzi cristiani nigeriana. Siamo stati presi e portati fuori, hanno preso il rosario, sbattuto per terra, ci hanno sputato sopra e mi hanno detto che esiste solo Allah, il loro Dio. Io gli ho detto che si sarebbero dovuti vergognare, visto che a febbraio negli Emirati sarebbe venuto il Papa.

Egitto, decine di civili ‘scomparsi’ e torturati nelle prigioni militari

Poi mi hanno tolto le mutande e mi hanno dato le scosse elettriche ai genitali. Per motivi religiosi, in pratica.

Loro sapevano che io ero cattolico, cristiano.