Come Scaricare Circolari Assonime

Come Scaricare Circolari Assonime come circolari assonime

Confermata la proroga della deroga per i soggetti non Ias di valutare i titoli non durevoli di iscrizione. Allegati: File, Dimensione del File. Scarica questo file (APR​. La Circolare n. 4 del di Assonime affronta il caso in cui, a fronte di investimenti effettuati per beni entrati in funzione nel , aventi. Assonime, Circ. n. 20 del 15 giugno Dichiarazioni competenza, nel quale il co- sto non è stato contabilizzato. Resta il fatto, come osserva la circolare in. 38/ (servizi sostitutivi di mensa aziendale, circolare Assonime su welfare Per leggere o scaricare la circolare, dopo aver effettuato il log in, clicca qui. come il “costo” di tale soluzione di compromesso sia stato scaricato quasi integralmente sulle imprese IAS/IFRS. 36 Cfr. Circolare Assonime (, p. 80)​.

Nome: come circolari assonime
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 25.52 Megabytes

Come noto, a decorrere dal 1 gennaio è stato introdotto l obbligo di presentazione della comunicazione dei dati relativi alle liquidazioni periodiche, che va fatto con cadenza trimestrale, indipendentemente dalla frequenza con la quale il contribuente esegue le liquidazioni mensili o trimestrali. A differenza di quanto avvenuto per la comunicazione dei dati delle fatture emesse e di quelle ricevute e registrate nel trimestre, ivi comprese le bollette doganali, e i dati delle relative variazioni, non è stata emanata, finora, una circolare esplicativa dell obbligo di comunicazione delle liquidazioni periodiche, per il quale, tuttavia, l Agenzia delle entrate ha fornito indicazioni mediante lo strumento delle Faq, pubblicate sul sito internet della stessa Agenzia.

La circolare Assonime n. Premessa L art. Presentazione del modello di comunicazione La trasmissione dei dati delle liquidazioni periodiche deve essere effettuata esclusivamente in via telematica, direttamente dal contribuente, accedendo alla propria posizione FiscoOnline, ovvero tramite gli intermediari abilitati, di cui all art. Di fatto le scadenze sono fissate al: i 31 maggio per l invio deidatirelativial1 trimestredell anno;ii 16 settembre per l invio dei dati relativi al 2 trimestre; iii 30 novembre per l invio dei dati relativi al 3 trimestre; iv 28 o 29 febbraio dell anno successivo per l invio dei dati relativi al 4 trimestre.

Sempre a proposito di modalità di compilazione del rigo VP8 ed anche VP9 nel caso di credito dell anno precedente, l Agenzia delle entrate precisa che qualora 13 nel rigo VP9 sia riportato l intero credito dell anno precedente, ma tale credito non venga integralmente utilizzato nella liquidazione del periodo, il rigo VP14 accoglierà tale residuo che verrà a questo punto ribattezzato come credito periodo precedente nel modulo del successivo periodo e riportato nel rigo VP8.

Nel caso in cui si intenda, invece, estromettere e non riportare al periodo successivo il credito dell anno precedente, già indicato una prima volta in una comunicazione, basterà indicare nella successiva comunicazione con segnomenonelrigovp9l importoresiduochesi vuole estromettere 14 Contabilità separata I contribuenti che svolgono più attività, perle quali utilizzano la contabilità separata sia per obbligo che per opzione , sono tenuti a compilare un unico modulo del quadro VP, riepilogativo di tutte le attività gestite con contabilità separate nel mese o trimestre di riferimento 15 , sempreché, in presenza di più attività, le liquidazioni sono effettuate con la medesima periodicità mensile o trimestrale.

Welfare, compensation & benefits in azienda

Un tema particolare da tener presente concerne la situazione in cui per le diverse attività esercitate sono effettuate sia liquidazioni mensili che trimestrali, in questo caso la comunicazione va presentata con quadri VP distinti con riferimento alle rispettive liquidazioni Sempre con riferimento a quest ultima ipotesi, va ricordato che i contribuenti con separate attività che hanno anche diverse periodicità di liquidazione, possono anticipare la liquidazione trimestrale per compensarla con quella mensile dell ultimo mese di ciascun trimestre solare NellarelativaFaq,l Agenzia delle entrate propone i seguenti casi: Caso n.

Il contribuente anticipa la liquidazione trimestrale per compensare il credito del 1 trimestre con il debito di marzo e compila un unico modulo per i predetti periodi con un risultato a debito complessivo di Liquidazione di giugno a debito - Liquidazione del 2 trimestre a debito.

Il contribuente compila due moduli distinti per i predetti periodi.

Nel rigo VP8 del modulo relativo al 2 trimestre non va riportato il credito del 1 trimestre, in quanto detto credito è già stato utilizzato per ridurre il debito di marzo.

Detto credito potrà, eventualmente, essere indicato, in tutto o in parte, nel rigo VP9 dei mesi successivi, allorquando il contribuente intenderà utilizzarlo nelle liquidazioni periodiche.

Bonus ricerca e sviluppo: i chiarimenti di Assonime in caso di errore

Resta fermo che il credito dell anno precedente utilizzato in compensazione mediante Mod. F24 non dovrà essere esposto nel rigo VP9. Caso n. Il contribuente intende estromettere una quota del credito dell anno precedente, pari a 3.

Iniziative In Programma

Al riguardo, le istruzioni al modello precisano che il contribuente deve presentare la comunicazione con moduli distinti, uno mensile e l altro trimestrale, che raggruppino i dati delle rispettive liquidazioni.

È data facoltà ai contribuenti, a fini compensativi, di anticipare la liquidazione del trimestre, nell esempio dal 16 maggio al 16 aprile, per farla coincidere con quella mensile di marzo. Il contribuente anticipa la liquidazione trimestrale per compensare il credito del 1 trimestre con il debito di marzo e compila un unico modulo per i predetti periodi con un risultato a credito complessivo di Liquidazione di giugno a debito - Liquidazione del 2 trimestre a debito.

Nel rigo VP8 del modulo relativo al mese di aprile va riportato che corrisponde al credito residuo del 1 trimestre. Nel rigo VP8 del modulo relativo al 2 trimestre non va riportato alcun importo, in quanto il credito del 1 trimestre è già stato utilizzato in parte per ridurre il debito di marzo e la quota residua è stata riportata nella liquidazione di aprile Liquidazione di gruppo La comunicazione deve essere presentata dalla società capogruppo edallesocietà aderenti alla liquidazione di gruppo: ciascuna società presenta la propria singola comunicazione riportante la propria liquidazione, facendo unicamente attenzione ad indicare nel campo Partita della controllante liquidazione di gruppo la partita della controllante e indicando gli importi a debito o a credito trasferiti nel periodo di riferimento, rispettivamente nella colonna 1 o nella colonna 2 del rigo VP14 La società capogruppo, invece, oltre alla propria comunicazione, deve presentare anche una comunicazione barrando la casella Liquidazione di gruppo per indicare i dati riepilogativi dell intero gruppo, evidenziando nel rigo VP4 l ammontare complessivo dei debiti trasferiti per il periodo da tutti i soggetti aderenti alla liquidazione dell di gruppo, comprensivo degli eventuali interessi trasferiti dai soggetti con liquidazioni trimestrali ed indicando, nel rigo VP5, l ammontare complessivo dei crediti trasferiti per il periodo da tutti gli appartenenti al gruppo Operazioni straordinarie In caso di operazioni straordinarie o di trasformazionivisonodifferentimodalitàdi assolvimento dell obbligo in questione, a seconda che l operazione straordinaria o la trasformazione sia avvenuta durante il trimestre oggetto della comunicazione ovvero nel periodo compreso tra il 1 giorno del mese successivo al trimestre e la data di presentazione della comunicazione.

Diversa è la modalità secondo cui ottemperare all adempimento in questione nel caso in cui l operazione straordinaria o trasformazione avvenga nel periodo compreso tra il 1 giorno del mese successivo al trimestre e la data di presentazione della comunicazione. In tale ipotesi, se il dante causa si è estinto per effetto dell operazione straordinaria, saràsempre l avente causa a presentare due distinte comunicazioni, una per indicare le proprie operazioni e l altra per indicare le operazioni del soggetto estinto fino al momento in cui si è verificata la causa estintiva.

Nell ipotesi, invece, in cui a seguito dell operazione straordinaria non si sia verificata l estinzione del soggetto dante causa, ciascun soggetto partecipante all operazione assolverà autonomamente l adempimento relativamente alle liquidazioni effettuate nell intero trimestre cui si riferisce la comunicazione Soggetti non residenti Per quanto riguarda, poi, i soggetti non residenti va sottolineato che sono tenuti all adempimento in esame anche i rappresentanti fiscali di soggetti non residenti, indicando come codice dichiarante il codice carica 6.

Egualeonere 18 Nel caso la società non abbia partecipato alla liquidazione dell di gruppo per l intero periodo oggetto della comunicazione, dovrà compilare il frontespizio in modo particolare, ossia, ad esempio, nel caso di liquidazioni trimestrali con fuoriuscita prima della fine del secondo trimestre, nel frontespizio non andrà compilato il campo Partita della controllante liquidazione di gruppo e nel campo ultimo mese andrà inserito 03 per indicare che il controllo è cessato con il termine del primo trimestre.

In presenza di una stabile organizzazione in Italia di un soggetto non residente, deve essere presentata una comunicazione con riferimento ai dati delle operazioni ad essa imputabili effettuate nel trimestre 20 Reverse charge e split payment Qualora il debitore dell imposta sia il cessionario o committente, questi non deve ricomprendere nel rigo VP2 che riguarda le operazioni attive l imponibile delle operazioni passive per le quali è designato debitore dell.

Per tali operazioni il cessionario indicherà l imponibile nel rigo VP3 operazioni passive e la relativa imposta nei righi VP4 e VP5 se detraibile.

Abbonamento 2020

Il cedente, simmetricamente, non compilerà il rigo VP4 né tantomeno il VP5 ma indicherà solo l imponibile relativo alle operazioni attive per le quali l imposta, in base a specifiche disposizioni, è dovuta da parte del cessionario o committente, nel rigo VP2.

Analogamente per le fatture emesse in regime di split payment è indicata come corretta la compilazione da parte del cedente o prestatore del solo rigo VP2 base imponibile operazioni attive , senza compilare l imposta esigibile nel rigo VP4.

Sanzioni e ravvedimento operoso In tema di sanzioni va rilevato che l art. Nel caso di violazioni dell obbligo di comunicazione di cui si tratta è applicabile il ravvedimento operoso di cui all art.

Va, inoltre, ricordato che in tema di ravvedimento operoso o, comunque, di omessi versamenti derivanti dalla liquidazione periodica 19 Qualora un soggetto non residente abbia, ad esempio, operato a gennaio e febbraio mediante rappresentante fiscale ed a marzo si sia identificato direttamente, dovrà presentare un unica comunicazione che comprende la liquidazione delle operazioni effettuate nell intero trimestre, comprendendo sia quelle svolte dal rappresentante fiscale che quelle effettuate direttamente.

In accordance with Art. Gherardesca 1, Ospedaletto Pisa , Italy. Un cookie e una piccola stringa di testo che un sito invia al browser e salva sul tuo computer quando visiti dei siti internet.

VALUTAZIONE DEI TITOLI ISCRITTI NEL CIRCOLANTE

I cookie sono utilizzati per far funzionare i siti web in maniera più efficiente, per migliorarne le prestazioni, ma anche per fornire informazioni ai proprietari del sito. Che tipo di cookie utilizza il nostro sito e a quale scopo?

Il nostro sito utilizza diversi tipi di cookie ognuno dei quali ha una funzione specifica, come indicato di seguito: TIPI DI COOKIE Cookie di navigazione Questi cookie permettono al sito di funzionare correttamente sono usati per raccogliere informazioni su come i visitatori usano il sito.

Questa informazione viene usata per compilare report e aiutarci a migliorare il sito. I cookie raccolgono informazioni in maniera anonima, incluso il numero di visitatori del sito, da dove i visitatori sono arrivati e le pagine che hanno visitato. Cookie Analitici Questi cookie sono utilizzati ad esempio da Google Analytics per elaborare analisi statistiche sulle modalità di navigazione degli utenti sul sito attraverso i computer o le applicazioni mobile, sul numero di pagine visitate o il numero di click effettuati su una pagina durante la navigazione di un sito.

Clicca qui per una panoramica della privacy di Google Cookie di terze parti Questi cookie sono utilizzati da società terze. I cookie di terze parti derivano da annunci di altri siti, ad esempio messaggi pubblicitari, presenti nel sito Web visualizzato.

Sulle ipotetiche ombre della circolare Assonime sull’abuso del diritto

Come posso disabilitare i cookie? La maggior parte dei browser Internet Explorer, Firefox, etc.

Tuttavia, la maggior parte dei browser permette di controllare e anche disabilitare i cookie attraverso le impostazioni del browser. Per avere maggiori informazioni l titolare del trattamento è Pacini Editore Srl con sede in via della Gherardesca n 1 — Pisa. Potete scrivere al responsabile del trattamento Responsabile Privacy, al seguente indirizzo email rlenzini pacinieditore.